Furto nella villa dell'imprenditore Biagio Passaro, bottino da 250mila euro

Furto nella villa dell'imprenditore Biagio Passaro, bottino da 250mila euro

Duro colpo per il noto imprenditore Biagio Passaro, che ieri ha subito un furto nella villa dove risiede, alla periferia di Castelfranco Emilia. Il colpo è avvenuto poco dopo le ore 19 ed è stato scoperto dal diretto interessato nella serata: quando Passaro è rincasato, si è trovato di fronte una casa a soqquadro e soprattutto alla cassaforte smurata. A quel punto non è rimasto altro da fare che allertare i Carabinieri, che si sono portati presso la villa per eseguire un primo sopralluogo ed acquisire elementi utili alle indagini.

Tra questi sicuramente ci sono i filmati delle telecamere di videosorveglianza della proprietà, che hanno ripreso i malviventi in azione. I ladri – due uomini più un terzo che faceva da palo – sono entrati sfondando una finestra al primo piano e una volta all’interno dello stabile si sono mossi liberamente fra le camere e hanno rovistato ovunque alla ricerca di oggetti di valore. Armadi e cassetti sono stati aperti e svuotati, mentre, come detto, la cassaforte è stata smurata e prelevata in blocco.

Il bottino è ingente e, per ammissione dello stesso imprenditore, si aggira intorno ai 250mila euro: all’appello mancano infatti gioielli, costosi orologi di grandi marche e denaro contante.

Ideatore del brand di pizzerie Regina Margherita, Passaro è diventato noto a livello nazionale come guida del movimento #IoApro, composto dai ristoratori che si opponevano alle restrizioni imposte dal Governo nella seconda parte della pandemia, e per l’episodio dell’assalto alla sede Cgil di Roma a seguito del quale era stato arrestato e poi rilasciato e per il quale si trova in attesa di conoscere l’eventuale rinvio a giudizio o l’eventuale archiviazione della sua posizione.

Anche l’imprenditore è stato dunque vittima della scia di furti in abitazione che sta colpendo in questo periodo molti cittadini in tutto il territorio modenese: siamo infatti all’inizio del periodo “clou” per le bande di ladri che approfittano delle minori ore di luce per muoversi indisturbate. “Dispiace per il valore affettivo di alcuni oggetti, ma quantomeno non c’era nessuno in casa al momento dell’effrazione. E’ chiaramente terribile sentirsi volati nella proprietà. Purtroppo servirebbero maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, ma sappiamo che qui a Castelfranco i carabinieri fanno già il massimo con i mezzi che hanno a disposizione, forse troppo pochi per un territorio così vasto e densamente popolato”.

source
Leggi la notizia integrale su: Modena Today

Contact to Listing Owner

Captcha Code