Migranti: assessore E-R, siamo una terra di accoglienza

Migranti: assessore E-R, siamo una terra di accoglienza

A Ravenna presidi medici, clown e giocattoli per i bambini


“Stiamo facendo la nostra parte, l’organizzazione è stata esemplare grazie al lavoro di tanti professionisti e volontari.
    L’Emilia-Romagna è una terra di accoglienza e di solidarietà, abbiamo fatto la nostra parte e continueremo a farla, lo abbiamo fatto in passato per gli afghani, lo stiamo facendo per gli ucraini, lo facciamo oggi e lo faremo in futuro, perché per noi l’accoglienza e la solidarietà sono valori che non hanno colori né bandiere e soprattutto non dipendono dal governo di turno”.
    Così l’assessore dell’Emilia-Romagna al Welfare Igor Taruffi presente al porto di Ravenna dove stanno per sbarcare i 113 migranti a bordo della nave Ocean Viking.
    “Ciò detto – ha proseguito Taruffi – la scelta di mandare a Ravenna una nave che era nel Mediterraneo e quindi tenerla impegnata in tanti giorni di navigazione in più vuol dire di fatto tenere la nave lontana dai teatri dove c’è più bisogno.
    Questa è una scelta molto discutibile che ci sembra in contrasto con il buon senso e che mostra tutta la distanza che intercorre tra la propaganda di cui chi oggi governa ha abusato in campagna elettorale parlando di blocchi navali e la realtà, che quando arriva presenta il conto e l’unica cosa che si riesce a fare è trasferire queste navi il più lontano possibile dal Mediterraneo”.
    A Ravenna ci sono due tende del 118 per eventuali casi gravi, tre ambulatori di visita normale e due aree di attesa separate, una per i casi Covid e una per quelli non Covid. Oltre alle tende di presidio medico si trovano aree per il supporto sociale, operatori e clown della Croce Rossa per i tanti minori in arrivo (sono 35 in tutto, il più piccolo un bimbo di 17 giorni). Panettoni, latte, bevande calde, caffè, ma anche giocattoli e indumenti sono predisposti. Infine è pronta una zona per il riconoscimento e l’identificazione. Un primo controllo sanitario verrà comunque effettuato a bordo nave da tre medici della sanità marittima. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Captcha Code