Protagonista il Mandolino, la rassegna musicale inaugura con il duo Palumbo – Guarnieri

Protagonista il Mandolino, la rassegna musicale inaugura con il duo Palumbo – Guarnieri

Ricomincia finalmente Protagonista il Mandolino, rassegna di eventi dedicati al mandolino quali concerti, masterclass, e concorso internazionale, organizzata dall’Associazione “Ensemble Mandolinistico Estense APS” con il Patrocinio del Comune di Modena e della Galleria Estense. La direzione artistica è affidata al M°Roberto Palumbo, direttore dell’Ensemble Mandolinistico Estense.


Dopo una interruzione durata oltre due anni a causa della pandemia, la rassegna riparte promuovendo i talenti costruiti in seno alla scuola di musica dell’associazione, che sabato 19 novembre 2022 alle ore 18.00, con ingresso libero, si esibiranno presso l’Auditorium della Corale Rossini, in via Livio Borri 30 a Modena.




Il duo Palumbo – Guarnieri, infatti, è composto da due giovani musicisti cresciuti sotto la guida del M°Roberto Palumbo che successivamente hanno intrapreso percorsi accademici conseguendo brillanti risultati. Il loro percorso è teso a riscoprire e rivalutare il vasto repertorio originale per mandolino e chitarra. Tale letteratura, ancora poco conosciuta e spesso soggetta a comuni stereotipi, comprende brani di diversa epoca: dal Barocco al Romanticismo, fino ad arrivare alla musica contemporanea, la cui ricerca timbrica si sposa perfettamente con le caratteristiche dei due strumenti. I due componenti, Eugenio Palumbo al mandolino e Roberto Guarnieri alla chitarra, si esibiscono regolarmente da diversi anni. Il concerto, dal titolo emblematico, Corde virtuose!, presenta brani di elevato livello virtuosistico scritti da autori contemporanei quali Alfonso Carlos Miguel, Uberto Pieroni, Vincent Beer-Demander, ma comprende soprattutto gli interpreti del periodo d’oro del mandolino vale a dire Enrico Marucelli, Carlo Munier, e Raffaele Calace.

Eugenio Palumbo nasce a Carpi (MO) nel 2001. Fin dai primissimi anni di vita inizia gli studi musicali, e del mandolino in particolare, sotto la guida del padre, il M°Roberto Palumbo, che gli ha trasmesso la passione e l’amore verso questo strumento. All’età di 8 anni comincia gli studi di Violino e Viola presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Orazio Vecchi – Antonio Tonelli” di Modena nella classe del M°Pietro Scalvini. Dopo aver conseguito la laurea di I livello con lode e menzione speciale nella classe di mandolino del M°Dorina Frati presso il Conservatorio di Musica “Luca Marenzio” di Brescia, è attualmente iscritto al corso di II livello. Ha frequentato numerosi corsi di perfezionamento con Maestri di livello internazionale tra i quali Mauro Squillante, Vincent Beer-Demander, Nunzio Reina, Maria Cleofe Miotti, Michele de Martino. Da solista e in duo ha partecipato a diversi concorsi nazionali aggiudicandosi il Primo premio (Estudiantina di Bergamo nel 2017, nel 2018 al lago d’Iseo e nel 2019 il Premio Alberghini). Svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero con l’Ensemble Mandolinistico Estense. Ha collaborato con le più importanti orchestre mandolinistiche tra cui: Accademia Mandolinistica Internazionale, Accademia Mandolinistica Italiana, Orchestra a Plettro del Conservatorio Nicolò Piccinni di Bari, Accademia Mandolinistica Napoletana, Accademia Mandolinistica Pugliese, Orchestra di mandolini e chitarre Città di Brescia, Orchestra a plettro Mandolinisti di Parma.

Roberto Guarnieri nasce nel 1993 a Modena. Inizia gli studi di chitarra classica nel 2006 sotto la guida del M°Roberto Palumbo e nell’ottobre dello stesso anno entra a far parte stabilmente dell’Ensemble Mandolinistico Estense. Dal 2008 frequenta il corso di chitarra presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia prima sotto la guida del M° Giacomo Baldelli poi col M° Claudio Piastra. Consegue le lauree di I° e di II° livello AFAM, col massimo dei voti e lode. Ha frequentato diverse masterclass di perfezionamento coi maestri: A. Desiderio, F. Biraghi, P. Cherici, D. Bisso e G. Dipierro. Ha intrapreso lo studio della direzione d’orchestra frequentando masterclass e corsi tenuti dai Maestri M. Boni, D. Agiman e D. Bisso. È vincitore di molteplici concorsi da solista e nella categoria musica da camera. Il percorso concertistico lo porta a specializzarsi nel repertorio cameristico: duo, trii e quartetti. In particolare si esibisce più frequentemente come Duo Palumbo-Guarnieri, insieme al mandolinista Eugenio Palumbo, e Duo ClaroScuro, con l’arpista Morgana Rudan. Nei quartetti a pizzico alterna chitarra e mandoloncello (ha frequentato il “44° Corso Internazionale di Musica Antica” con il M° Mauro Squillante). Socio più giovane della S.I.M.C. collabora con compositori di fama internazionale, come Andrea Talmelli, e ha avuto l’onore di eseguire in prima assoluta “Recitazione sognante” (edizione Ricordi) per chitarra di Azio Corghi. Conta diverse collaborazioni con orchestre a plettro e a pizzico e ha partecipato varie volte alle opere “Barbiere di Siviglia” di G. Rossini e “Otello” di G. Verdi, collaborando con l’Orchestra “Arturo Toscanini” di Parma. Nel 2020 incide il suo primo CD “Rediscovered”, con l’etichetta Luna Rossa Classic, e nel 2022 incide con Tactus l’integrale per chitarra di Raffaele Calace.












source
Leggi la notizia integrale su: Modena Today

Contact to Listing Owner

Captcha Code